Cambiare casa no stressPratiche burocratiche

Perché ristrutturare casa può far mettere le mani nei capelli

Quante volte avrai sentito raccontare da amici e parenti le peripezie affrontate nel ristrutturare la loro casa? Gesta al limite dell’eroico si potrebbe affermare!

Come è possibile?
Di chi è la colpa?
Perché succede?

Con rammarico, devo dirti che la colpa è del proprietario!

Succede perché  chi compra una casa da ristrutturare vuole subito iniziare i lavori, senza progettare e pianificare nulla per fare presto.

Il suo primo pensiero è quello di rivolgersi a un muratore, quasi sempre un amico, un parente, il cugino di un conoscente, ecc…

Il muratore al primo incontro gli dirà di non preoccuparsi, che non ci sono problemi e che in poco tempo finirà tutto. E gli chiederà subito se "vuole rasare o no, perché costa". Peccato che, nella maggior parte dei casi, il proprietario non sa minimamente cosa significhi rasare o non rasare un muro! Quindi risponde a caso a questa e ad altre domande.

Al proprietario, però, non sembra neanche vero, può subito partire, però vuole anche  usufruire delle detrazioni fiscali per ristrutturazione edilizia e viene a sapere che deve presentare una “pratica in Comune”.

Non sia mai! Questo intoppo lo rallenta.

Costretto, chiama un tecnico, a caso tra un geometra, un architetto, un ingegnere, forse meglio un geometra che ha meno velleità, l’architetto incomincerebbe a proporre scelte bizzarre e l’ingegnere a polemizzare sulle strutture.

Il proprietario, allora prende un tecnico, amico di qualcuno non gli interessa, basta"costi poco" e "faccia presto",  intanto lui ha già le idee chiare e ci pensa il muratore che sa già tutto.

Il tecnico incaricato segue le richieste del proprietario e non propone nessuna scelta estetica, funzionale o tecnica, disegna la planimetria consegna la pratica in Comune e va via come è arrivato.

Ed ecco che con solo una planimetria in cui sono indicate le demolizioni e le costruzioni il tutto viene ripresentato al muratore che farà un preventivo “a corpo”.

Ma “a corpo” cosa significa?

"A corpo" vuol dire che il muratore guarda i muri da demolire e costruire, il nuovo bagno e la nuova cucina da rifare, le crene per gli impianti, la rasatura e la tinteggiature e altre vaghe lavorazioni valutate a spanne. Scrive su un foglio di carta il costo di massima dei lavori per dare un’idea al proprietario.

Poi il muratore porta l’idraulico, l’elettricista, ecc...

In quei fogli scritti a mano dovrebbe esserci tutto" affermano le maestranze coinvolte.

Da questo momento il proprietario sarà sommerso da consigli estetici e funzionali  da chiunque, che non lo aiuteranno certo a  fare chiarezza, anzi, crederà a tutto e a tutti senza distinzione.

Bene, iniziano i lavori!

Basati su una planimetria di massima, un preventivo di massima, l’assenza di un capitolato dei lavori completo. Insomma un'invito a imprevisti e varianti in corso d'opera.

E così nella maggior parte dei casi ci saranno continui cambiamenti perché le idee non saranno chiare, per non parlare poi degli imprevisti che nasceranno.

Ma le due note dolenti saranno:

  • l'aumentare smisurato dei costi dei lavori rispetto all'inizio;
  • il procedere a rilento: il muratore dirà che è in cantiere domani che diventa dopodomani e passano i giorni.

Alla fine il risultato è una ristrutturazione fatta senza un adeguato progetto, senza pianificazione, senza una direzione dei lavori che controlli l’esecuzione delle opere, senza un controllo in corso d’opera dei costi e dei tempi con le conseguenze che tutti conosciamo dai racconti spaventosi e terrificanti di amici e parenti.

Non è sempre così, ma molte  volte sì!

Con questo non voglio dire assolutamente che tutti i muratori, idraulici, elettricisti, ecc siano superficiali.

>> Nella mio lavoro collaboro con maestranze preparate e scrupolose, i cui anni di esperienza sono una garanzia di una buona riuscita dei lavori e una fonte di insegnamento. <<

Ma voglio metterti in guarda: se devi ristrutturare casa non cadere nell'errore del nostro "amico" proprietario perchè quasi sicuramente incontrerai maestranze che da amiche diventeranno tue accerrime nemiche.

Se hai ritenuto interessante questo articolo iscriviti alla newsletter (puoi cliccare su questo link Home Page) per rimanere aggiornato su novità ed eventi.

Sennò puoi seguirmi su

  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.